[Paolo Barnard]

SOVRANISTI ITALIANI: FU CRIMINE SUPREMO, VOI PALLE MOLLI.

 

La Legalità Internazionale ci aveva lasciato il percorso, con le parole da usare, già pronti. E ci aveva lasciato la sua imbattibile autorevolezza. Due erano i princìpi da usare, cari Sovranisti senza palle – inclusi gli ampollosi giuristi alla Barra-Caracciolo e soci – ed erano chiarissimi:

A) Il Pubblico Ministero-Capo degli Stati Uniti al Tribunale di Norimberga (1945-6), Giudice Robert Jackson, aveva stabilito il principio secondo cui “Iniziare una Guerra d’Aggressione non è solo un crimine internazionale, è il Crimine Supremo internazionale”.

B) I Princìpi di Norimberga stabilirono che “Gli individui hanno doveri internazionali che vanno oltre i doveri d’obbedienza nazionali imposti dai singoli Stati”, per cui essi possono essere chiamati a rispondere di crimini commessi contro altre nazioni anche quando rispondenti a leggi o a ordini dall'alto.

Assolutamente non fuori luogo, poi, è ricordare la Convenzione ONU contro il Genocidio, Risoluzione 260 del 9 dicembre 1948. Da essa vanno annotati questi princìpi dall’Art.2:

Nel Crimine di Genocidio sono inclusi atti “che causino gravi danni fisici o mentali a un gruppo nazionale (et al.)” – “che deliberatamente infliggano al gruppo nazionale (et al.) condizioni di vita calcolate al fine di causarne la distruzione fisica ANCHE IN PARTE” – “che impongano fatti che vogliono impedire la normale natalità all’interno di quel gruppo nazionale (et.al.)”.

Non sto certo a perdere tempo per scrivere che i Trattati di Maastricht (1992) e Lisbona (2007) che hanno catturato l’Italia dentro la Zona Euro all’insaputa totale del suo Popolo Sovrano, non furono atti militari praticati con armi convenzionali. Ma di certo stabilisco che furono atti inflitti al Popolo Sovrano italiano contro la sua sicurezza e con la precisa e calcolata intenzione di:

A) Aggredire l’intera Economia nazionale, quindi l’organismo vitale stesso del Paese B) Causare gravi danni fisici e mentali agli italiani C) Infliggere agli italiani condizioni di vita calcolate per distruggerli fisicamente in parte D) Impedire quindi alle famiglia italiane il normale tasso di natalità, a causa del massiccio impoverimento. Quindi stabilisco che Maastricht e Lisbona furono una vera e propria “Guerra d’Aggressione” e perciò "Crimine Supremo internazionale” contro questo Paese, distruggendone ogni Sovranità e le sue stesse vite.

(NOTA: Le prove/fatti dei tragici danni nazionali enunciati sopra, incontrovertibili, formano il mio lavoro degli ultimi 8 anni, e non posso riscriverli qui.).

Insisto dunque che i Trattati voluti dai tecnocrati di Maastricht & Lisbona per edificare la Zona Euro, hanno costituito una “Guerra d’Aggressione” contro l’Italia – l’economia è la causa sovrana di tutte le guerre della Storia – e se vogliamo dare sostanza in termini di morti italiani a queste parole, per ribadire con fermezza il concetto di crimine d’aggressione, allora vi dico che:

dentro le “condizioni di vita calcolate per distruggere fisicamente in parte” gli italiani, ci sono dal 2011 a oggi 700.000, settecentomila, nostri connazionali morti PREMATURAMENTE a causa di malasanità (dati Istat-Censis) in quasi totale parte dovuta alle Austerità di Bilancio imposteci dalla Zona Euro che ci ha aggrediti, peraltro devastando la nostra Costituzione. La guerra in Bosnia durò 4 anni e uccise 100.000 umani, fate le proporzioni. E poi…

… non esistono dubbi nei dati statistici di economia e di popolazione italiani, che ci siano stati inflitti gravi danni fisici o mentali” e fatti che hanno di certo impedito alle nostre famiglie “la normale natalità”. Siamo di fronte tre enunciati che richiamano la Risoluzione 260 del 9 dicembre 1948. Ma peggio: incalcolabili sono i morti passati e futuri italiani che sono derivati e deriveranno direttamente dal violentissimo scardinamento di quella che era la settima economia del mondo, precipitata, dopo questa "Guerra d’Aggressione" di Maastricht & Lisbona, nei PIIGS (maiali) d’Europa.

E riassumo: Iniziare una Guerra d’Aggressione non è solo un crimine internazionale, è il Crimine Supremo internazionale”, ed è ciò che i tecnocrati di Maastricht & Lisbona (italiani e non) hanno fatto, rasentando anche aspetti di Crimine di Genocidio, contro l’Italia. Per cui essi possono, e devono essere chiamati di fronte alla Giustizia italiana anche quando di nazionalità straniera, perché Gli individui hanno doveri internazionali che vanno oltre i doveri d’obbedienza nazionali imposti dai singoli Stati”.

Allora, Sovranisti italiani dalle palle molli, sgarruppati dispersi e ‘bombastic’ giuristi che siete: come io sempre dissi, la questione di urgente recupero della Sovranità andava e va posta al pubblico come esattamente una "Guerra d’Aggressione", cioè "Crimine Supremo internazionale" che abbiamo subìto, con aspetti di Genocidio. Punto, e fine dei discorsi, e nulla di meno di questo.

Ma voi lettori trovatemi un singolo Sovranista italico, per non parlare dei ‘bombastic’, che abbia mai posto la questione al popolo in questi termini. Nooo, tutti a farsela sotto, perché non vogliono sembrare populisti, fanatici, esagitati come quel Barnard, eh? Peccato che quel Barnard abbia dalla sua i Princìpi di Legalità Internazionale della Storia moderna, e i numeri dei morti italiani, purtroppo.

Poi adesso, cari miei, tutto questo sarà appannato da ciò che ci attende, e di cui vi scrivo da un anno, cari TECH-GLEBA. Poi qualcuno dopo la mia morte riparlerà di quel Giudice Robert Jackson, di quelle parole, e forse delle mie…

I figli, già, a qualcuno fotte qualcosa di loro? Non a sufficienza per dare le palle a sti Sovranisti, è chiaro. Non fatene.