[Paolo Barnard]

FORSE NON TUTTO E’ IN SFACELO. (LASCIAMO PERDERE L’IT)

 

Voglio essere breve ma istruttivo. Tempo fa scrissi un articolo dove dimostravo che oggi il pensiero più avanzato sulla tutala del lavoro non sta nelle putrefatte puttane grandi sigle sindacali, ma sta nei cervelli delle aziende di Silicon Valley o addirittura nei cervelli di Goldman Sachs.

Il segnale inequivocabile è che il Vero Potere ha due facce. Quella nota, di poco differente da Satana, o da un barracuda sifilitico, o da un pittbull con la Rabbia; e un’altra faccia che incredibilmente coesiste con quanto detto prima, cioè intelligenze veramente progressiste, avanzatissime anche nei regni dei... Diritti. Yes, è così.

Quindi per uno come me che iniziò il precipizio della sua carriera di affermato reporter nazionale proprio producendo un’inchiesta RAI sul conflitto d’interessi fra medici e Giganti del Farmaco (Big Pharma), è oggi di sollievo leggere ciò che i Dottori Michael Rosenblatt e Sachin Jain hanno pubblicato pochi giorni fa per la Harvard Univesity. 

Chi sono?

Sono due Baroni della Medicina sia pubblica che privata americana, entrambi ex dirigenti di punta del colosso del farmaco Merck ma anche universitari, quindi profondi conoscitori del…

CONFLITTO D’INTERESSI FRA PROFITTO DI BIG PHARMA E MEDICI, SIA PUBBLICI CHE PRIVATI.

Non ripeto qui la loro analisi, ma io conosco molto bene la materia e vi garantisco che questi due Baroni hanno non solo AMMESSO sulle pagine di Harvard ogni singolo angolo dello scandaloso conflitto d’interessi fra Big Pharma, Professori Universitari Ricercatori, Primari, e medici di famiglia (inclusa l’insidiosa pratica della Pubblicazione Scientifica per far carriera negli atenei, che non coinvolge soldi ma ‘spintoni’ dai raccomandatori privati), ma hanno anche proposto le basi per una LEGISLAZIONE IN MATERIA CHE ABBIA SENSO PRATICO E MORALE.

Il senso morale è scontato, inutile qui ri-raccontarlo. In molti Stati USA oggi se un medico (letteralmente) prende un caffè con un informatore farmaceutico, è tenuto a denunciare il fatto a un comitato apposito, se no rischia l’espulsione dall’albo alla denuncia di un passante. Le vie per raggirare ci sono, ovvio, ma questo controllo esiste in Italia? NO.

Il senso pratico, qui, è essenziale. Oggi il Mercato è ovunque, è come l’ossigeno sul pianeta Terra, s’infiltra ovunque. L’utopia di una Sanità di puro investimento pubblico è fuffa. Il problema è allora, Michael Rosenblatt e Sachin Jain sostengono, sfruttare l’immenso potenziale di ricerca finanziata dalla Stato (di fatto per 50 anni il vero partoriente di tutta la tecnologia che conosciamo) assieme all’immenso potenziale di ricerca di Big Pharma. Ciò va fatto con regolamentazioni che, dicono i due esperti, “non vadano a strangolare alla cieca i contatti fra Big Pharma e medici, ma che incoraggino più la dichiarazione pubblica di un potenziale conflitto d’interessi nascente, che il conflitto stesso”.

Tradotto: quando un brillante ricercatore medico pubblico fa una scoperta essenziale per la salute di tutti, più che chiuderlo in una gabbia pubblica dalla quale non potrà mai comunicare con Big Pharma, si deve prima cosa annunciare che un conflitto d’interessi ne può nascere, e poi sedersi al tavolo di Ministero della Sanità e Big Pharma e discutere come i privati possono aiutare lo Stato a maturare quella grande scoperta senza sfruttare o corrompere nessuno. Meno che meno sfruttare gli ammalati. E vice-versa, la stessa cosa quando Big Pharma scopre una cura salvavita. Al tavolo col Ministero… prima di tutto.

Che questi concetti escano dagli americani, da due ex pezzi grossissimi della Merck, è un risultato immenso, insperato, dà un senso di micro-speranza, come quando appunto Paolo Barnard è l’unico in Italia ad accorgersi che il Welfare del futuro dei salariati è in mano ai cervelli della Artificial Intelligence, non ai fossili della CGIL e soci. Loro, i cervelli A.I. hanno le vere idee e le condividono pubblicamente. Ministro del Lavoro, fatti avanti (non tu cazzaro, in IT).

Bè, come posso concludere questa nota, se non con due cose. Voi che vivete nel Web gettate al cesso i webeti della serie “Il mondo è diviso fra la cupola satanica dei Rothschild privati, e i buoni”, guardate DENTRO il Vero Potere, e ci troverete delle sorprese eccezionali. Secondo… bè… THINK.