[Paolo Barnard]

Il voto, così come inteso nel dettato costituzionale dei Paesi come l'Italia, non è libero. Ripeto: NON è libero. Perché? Perché si tratta di un sistema ingannevole che offre al cittadino una sola scelta, e non l'altra scelta, che sarebbe in assoluto la più importante. E questo è stato pensato dal Potere per rendere quasi impossibile sbarazzarsene.

Quando votiamo, possiamo fare una cosa sola: confermare il sistema partitico disponibile, cioè scegliere dentro una gabbia di partiti oltre ai quali non v'è altra possibilità. Quella gabbia si chiama Il Potere, Sinistra Centro e Destra. Possiamo giostrarci all'interno di essa, ma non uscire da essa. Non possiamo cioè fare l'altra cosa, la più cruciale, quella che ci renderebbe veramente liberi: sfiduciare il sistema partitico disponibile, cioè mandarlo a spasso tutto intero, per far spazio ad altro.

Il Potere, come ho già scritto in passato, ci ha oggi costretti dentro un pollaio puzzolente dove siamo incastrati nella scelta fra lo Schifo e l'Orrore. Per fare un esempio: siamo obbligati a votare lo schifoso centrosinistra italiano (che include l'appendice decomposta della sinistra), se no ci becchiamo l'orrore del centrodestra di Berlusconi. E questa è la fine della Storia. Così siamo incastrati per sempre a votare, in realtà, solo il meno peggio di un panorama in sé comunque orribile. Non ci è data la possibilità di pensare a un altro panorama, a un'altra politica, proprio a un altro modo di gestire la vita pubblica, perché votandolo verremmo accusati di favorire l'Orrore. Alla fine, badate bene, quando ci viene concesso molto, quando ci pensiamo fortunati, è perché all'interno di quella gabbia puzzolente viene permessa la presenza di un partito cosiddetto 'nuovo', che suona 'nuovo', ma che non lo è assolutamente. Questo è accontentarsi delle briciole. Perché vi accontentate delle briciole?

Ma il Potere è stato anche più diabolico. Fate attenzione, seguite una breve metafora. Un Padrone deve, per necessità di profitto, sfruttare ignobilmente i suoi lavoratori, ma sa che in tal modo essi potrebbero ribellarsi sentendosi oppressi. Allora che fa? Li maltratta per anni fino all'orrore, li schiavizza senza pietà, li tortura, li riduce alla disperazione. Quando la situazione arriva al limite dell'umana sopportazione, quando è sul punto di esplodere in rivolta, il Padrone cessa l'orrore e concede a quei lavoratori il minimo di sopravvivenza, qualche diritto, un poco di cibo in più, e dichiara l'avvento di una 'nuova' era. I lavoratori si sentiranno liberati, accoglieranno quella 'nuova' era come una salvezza. Non si rendono conto che ora sono semplicemente passati dall'orrore, all'essere sfruttati ignobilmente (che era la mira originaria del Padrone), e vivranno come se avessero fatto una grande conquista di libertà. In altre parole, il Potere li ha fregati.
E' quello che sta accadendo a noi ora (e che hanno accettato i sindacati nel lavoro, i cittadini nei ritmi di vita, i pacifisti con le guerre, gli attivisti con le loro 'conquiste'...). Il Potere, che oggi ci fa vivere sotto l'Orrore, ci permetterà  domani l'avvento dello Schifo sotto cui controllarci e sfruttarci (che era la mira originaria del Potere), e noi grideremo alla liberazione! dai che domani magari ce la facciamo ad avere Franceschini o Di Pietro!, che daranno ai precari un mezzo diritto in più! che ci lascieranno 50 euro in più nella pensione! Finalmente! Dai che ce la facciamo!... Ma saremo sempre dentro quella maledetta gabbia da polli puzzolente, e non ce ne renderemo conto. Così è stato oggi negli USA con Bush e Obama. Obama sta facendo schifo,  sta cioè proseguendo tutte le politiche d'interesse del big business, ma tutti crediamo alla liberazione perché è finito l'Orrore!

Allora, la via d'uscita per fottere il Potere e questo suo schema diabolico è quella di ottenere che il voto sia veramente libero, e cioè che con esso il cittadino non sia solo costretto a confermare il Potere come sopra descritto, ma che lo possa anche SFIDUCIARE, TUTTO E PER INTERO, cioè non votarlo pur recandosi alle urne come tutti gli altri, e comunque usando il proprio diritto al voto. Questo si ottiene con una legge di modifica costituzionale che permetta al cittadino che non vuole più rassegnarsi alla tragica scelta fra Schifi e Miserie oppure Orrorori e Abomini, di recarsi alle urne e apporre una croce sulla scheda nell'apposita casella 'NESSUNO DI VOI', a fianco degli altri simboli. Questo voto andrà contato esattamente come gli altri voti, e si dovrà tradurre in seggi VUOTI in Parlamento. Così un anno avremo il 4% del Parlamento vuoto, sedie vuote. Più avanti potrebbero diventare il 22%, o il 40%. Si saprà in tal modo che il 4 o il 22 o il 40 per cento degli italiani non ci sta più!, e la loro ribellione sarà visibile a tutti e riconosciuta dalla Costituzione del Paese con pari dignità delle altre scelte. Tutto questo fino a che quella quota di cittadini non sarà soddisfatta dalla presenza sulla scena politica di una Vera alterativa, cioè di un orizzone veramente aperto, e non più di rimpasti cosmeticamente abbelliti fatti dal vecchio putridume di Schifi e Miserie oppure Orrorori e Abomini. E il Potere sarà fottuto, perché non ci controllerà più nella sua gabbia.

Ecco come si fa. Fate attenzione al vostro pollaio. Non cascateci più.

P.S. Non scrivete a me, agite!