[Alcune considerazioni su...]

(versione stampabile)


Nessuno ne parla ma mi terrorizza, parte II

 

Scrivo questo solo sperando che un insider mi contatti per darmi info. E per insider non intendo quei due scemi che mi hanno scritto facendomi perdere tempo con le loro cazzate infantili da ragazzini del web che credono di fare i furbi con me. Intendo insiders veri.

Ok, la Commissione Europea sta passando una proposta di regolamentazione dei fondi monetari NAV che di fatto, a tutti gli effetti, li ammazza. Ok, parliamo di un settore che in Europa pesa per 490 miliardi di euro, nel mondo per 5000 miliardi di euro nella sua forma allargata, ma sempre contiguo alle banche, perché sono anche questi fondi che poi permettono alle Banche le Repo Ops, che sono ad esse essenziali. Cioè, ammazzi i NAV funds, ammazzi le banche.

Ok, la Commissione dice che sti NAV rappresentano un rischio sistemico se gli investitori li chiamano a rientrare, e dal momento in cui gli Stati ora si rifiutano di ‘salvarli’ (non hanno più un soldo). Ma questo non è il punto. Siamo tutti d’accordo che la politica dovrebbe, come dice la nostra MEMMT, riprendersi il pieno controllo del settore finanziario, fino ad abolirlo. Ma il punto è un altro:

Come cavolo è possibile, RIBADISCO, che di colpo la politica abbia alzato la testa sopra le banche e gli investitori che ne sono sempre stati i PADRONI?

Cosa sta succedendo? Mi terrorizza. Per favore, qualcuno con una coscienza, o con un cancro terminale, che lavora fra quella gente mi dia indizi. PB


 


- Letture Salva Cittadini

- Per un mondo migliore

- Perchè ci odiano

- Palestina & Israele

- L'informazione & la deriva dei 'nuovi paladini dell'antisistema'

- Censura Legale

- Per una Sanità umana

- Video e Foto

- Chi è Paolo Barnard

- Contatti

 

- Alcune considerazioni su...

HOME | Letture salva cittadini| Per un mondo migliore | Perchè ci odiano | Palestina & Israele | L'informazione & la deriva dei 'nuovi paladini dell'antisistema' | Censura Legale | Per una Sanità umana | Video e Foto | Chi è Paolo Barnard | Contatti | Alcune considerazioni su...