[Alcune considerazioni su...]

(versione stampabile)


LA PSICOTICA FOLLIA DEL G8 DI GENOVA? FURONO 14 PAROLE DELLA CIA.

 

E’ il documento CIA-Top Secret fotografato sotto che racconta tutto.

Genova, riunione del G8, 20 luglio 2001. C’erano manifestanti contro la Globalizzazione, diretti da quell’irresponsabile e ignorante Vittorio Agnoletto che io avvisai, supplicai giorni prima di bloccare il famoso assalto alla Zona Rossa, senza essere ascoltato. La Polizia e i Carabinieri si scatenarono in un’orgia di violenza che è agli atti dei processi. Morì Carlo Giuliani, furono torturati ragazzini di 20 anni, crani spaccati a passanti e persino a infermieri del 118.

Roba arci nota. Ma la domanda che è rimasta in sospeso da sempre è questa:

Perché i vertici dei Polizia e Carabinieri erano da settimane in fibrillazione, caricati come mine antiuomo, quasi fossero insonni da esattamente 20 giorni e strafatti di cocaina e anfetamine, assieme ai loro dirigenti e agenti, per poi aprire le porte dell’Inferno sui manifestanti a Genova? Perché erano in quello stato?

Risposta:

Perché dal 3 maggio 2001 ben quindici documenti Top Secret della CIA stavano avvisando non solo Washington, ma tutto l’Occidente, inclusi i nostri Servizi, che “I militanti dell'organizzazione di Osama Bin Laden predicono che gli imminenti attacchi che stanno preparando, porteranno conseguenze devastanti, e masse enormi di vittime…”. 

E uno di questi files Top Secret del 30 giugno 2001 termina con queste fatali, veramente fatali parole recepite dagli 007 italiani:

“Eventi come il G8 a Genova il prossimo mese sono target appetibili”. (il documento CIA in foto sotto)

L’intero apparato di Sicurezza italiano, come detto, già era in allarme dal 3 maggio 2001, e a questo punto andò nel panico, nel panico di un’Italia target di un attacco islamico con “conseguenze devastanti e masse enormi di vittime…” L’ordine fu dato di spiare, di infiltrare e provocare chiunque fosse attorno al G8, per strappargli qualsiasi microsegnale di poter essere una cellula di Al Qaeda; di poter essere una copertura, anche solo un simpatizzante. Soprattutto l'ordine fu, vita o morte, di non far avvicinare neppure una zanzara ai potenti del G8. Poi, da lì la follia andò fuori controllo, prese dentro ragazzine, passanti, infermieri ecc., come sarebbe accaduto in USA, GB, Germania, Russia, ovunque, si sa.

Ma ora sappiamo, documento alla mano, che furono proprio quelle 14 parole della CIA scritte il 30 giugno 2001 a pompare di violenza e terrore Polizia e Carabinieri italiani, e i Dirigenti che agirono a Genova quel 20 luglio 2001. Nulla che li giustifichi, per carità, ma almeno adesso sappiamo perché si comportarono come branchi di Dobermann strafatti di metanfetamina. Poi non sapremo mai cosa c'era scritto nelle righe sopra a quelle 14 parole, quali nomi figuravano (qualcuno in Al Qaeda aveva nominato l'Italia in quella data?), e perché la CIA le ha cancellate. Ma eccole le 14 parole fatali alla fine del documento Top Secret della Central Intelligence Agency:


 


- Letture Salva Cittadini

- Per un mondo migliore

- Perchè ci odiano

- Palestina & Israele

- L'informazione & la deriva dei 'nuovi paladini dell'antisistema'

- Censura Legale

- Per una Sanità umana

- Video e Foto

- Chi è Paolo Barnard

- Contatti

 

- Alcune considerazioni su...

HOME | Letture salva cittadini| Per un mondo migliore | Perchè ci odiano | Palestina & Israele | L'informazione & la deriva dei 'nuovi paladini dell'antisistema' | Censura Legale | Per una Sanità umana | Video e Foto | Chi è Paolo Barnard | Contatti | Alcune considerazioni su...