[Alcune considerazioni su...]

(versione stampabile)


ISIS “END OF SYKES-PICOT”, QUELLO CHE NON AVETE VISTO. ADESSO CAPIRETE CHE SIGNIFICA.

Il video (non accessibile in Rete) è rudimentale, la telecamera traballa, qualità pessima. L’anno sembra essere il 2009, ma forse il 2011. La mano che fa le riprese è di un uomo dell’ISIS, e no, questo film non ha nulla a che vedere con gli odierni video ultra sofisticati, masscommunication psycho op. (termini del Pentagono) di atrocità da pelle d’oca degli islamici psicopatici di Al Baghdadi. No.

La scena è quella di una ruspa che, avanzando, abbatte una trincea di sabbia percorsa dal filo spinato, cioè un tratto della frontiera fra Iraq e Siria, dicono i sottotitoli in arabo. I paletti crollano, la sabbia rotola come un’onda, il trattore si ferma. Una mano depone in terra davanti alla gigantesca pala un pezzo di carta, dove scritto a biro si legge:

“END OF SYKES-PICOT”. Poi silenzio e i frames si bloccano. Fine.

Questo fu con tutta probabilità il primo video che l’ISIS girò per le audience occidentali. E a me toglie il fiato. Altri filmati del genere sono poi seguiti, ma non con quella significanza ingigantita dalla semplicità delle immagini. Seguitemi.

Nel mio volume Perché ci Odiano (Rizzoli 2006) diedi conto di come il colonialismo franco-inglese aveva prodotto una delle più mostruosamente deformi deviazioni della Storia umana, quando interi popoli del tutto inermi furono tranciati, divisi, resi mutanti dalle assurde frontiere che Parigi e Londra tracciarono nei deserti mediorientali per spartirsi le risorse. E che si fottessero milioni di arabi. Che si fottesse il fatto che milioni di famiglie, tribù, villaggi furono separati e costretti di colpo, come a Berlino dopo la guerra, a sentirsi stranieri fra di loro anche solo a 500 m di distanza. Furono creati Stati assurdi, e siccome erano odiati dagli arabi che vi si trovarono prigionieri, i colonialisti li adornarono con dittatori pupazzi e con le loro polizie segrete atroci, perché simili scempi geo-umani potevano solo stare in piedi terrorizzando i popoli con le fosse comuni e le camere di tortura. Leggete questo passaggio del mio libro:

Gerturde Bell, archeologa e amministratrice coloniale inglese, donna intraprendente e perfettamente a suo agio nella durezza del deserto mesopotamico negli anni 1918 e il 1919. L’estetismo di Gertrude va cercato nel modo in cui ella si inventò, tracciandola di persona, la frontiera che separerà in un futuro non distante l’Iraq dall’Arabia Saudita, confezionando così due nazioni mai esistite prima. Jonathan Raban, il saggista angloamericano di cui ho accennato in precedenza, scrive in proposito:Cavalcando fra le dune Gertrude Bell trascinava elegantemente un bastone che lasciava un solco nella sabbia, mentre alle sue spalle un nugolo di ragazzi autoctoni piantava pali di legno a intervalli regolari lungo quella traccia… Questi Stati fittizi furono forniti di Re a immagine e somiglianza della monarchia britannica… e necessitarono di dittatori armati fino ai denti e protetti da onnipotenti polizie segrete…”

Questa sciagurata donna, e tutti i colonialisti che la emularono, poterono agire in questo modo solo grazie a un accordo di spartizione del Medioriente firmato dai diplomatici Sir Mark Sykes e George Picot nel 1916 in Europa, inglese il primo, francese il secondo. A noi questi nomi dicono nulla, ma ancora oggi per decine di milioni di arabi essi sono più noti di un Kennedy o di un Gandhi. Ricordo una sera a un posto di blocco israeliano sotto gli M16 puntati di sti criminali di Tel Aviv, ero in coda con miserabili palestinesi di ritorno dal lavoro e mi girai di scatto per chiedere a un uomo dietro di me “Lei sa chi sono Sir Mark Sykes e George Picot, sa chi era Balfour?”. L’uomo che reggeva una pesante borsa con attrezzi da piastrellista, mi rispose in un istante, e perfetto nelle date e dettagli. Erano i bastardi che avevano creato il marasma di frontiere assurde che oggi chiamiamo Medioriente, disse, che avevano da scellerati posto i semi per conflitti infiniti e irrisolvibili… peccato per i milioni di arabi morti, torturati, spariti, deprivati per un intero secolo.

E il trattore dell’ISIS compì quel gesto di un’importanza simbolica colossale, abbatté la frontiera, le frontiere, e ci avvisò con gelida premonizione: E’ LA FINE DI SYKES-PICOT, ve ne accorgerete. E’ la fine della vostra presunzione di controllarci, è la fine della vostra Storia qui.

Ora, che sia un abominio politico militare come l’ISIS a fare questa rivendicazione non è certo accettabile. Ma non è assolutamente questo il punto. Il punto è un altro. Ogni singolo, e ripeto, ogni singolo fenomeno aberrante che sia scaturito dal Medioriente negli ultimi 80 anni è SEMPRE SEMPRE rintracciabile indietro nel tempo storico a una criminale, arrogante, predatoria decisione della potenze occidentali. Su questo i dubbi NON ESISTONO, e io stesso ho documentato in migliaia di pagine scritte quanto appena detto. Do-cu-men-ta-to, cioè affermato con documenti alla mano. Non riscrivo tutto qui. E voglio dire anche altro.

Perché continuiamo nello stesso errore? Ci arriverebbe un ragazzino di terza media a capire che le cose andranno sempre peggio, se ‘il medico che ha causato la cancrena insiste criminosamente a infettare la ferita’. L’ISIS nasce senza ombra di dubbio dall’allucinante e demenziale politica USA in Iraq dopo la guerra del 2003, con il Pentagono che ha saltellato come un canguro in Alzheimer fra un gruppo religioso e un altro, fra una tribù e un’altra, armando, disarmando, tagliando, dividendo, ma poi tornando sui suoi passi, finanziando e ri armando di qui e di là a casaccio, poi ri-ritornado indietro, e ancora e ancora, in un caos strategico da scimmie psicotiche. Al Qaeda era il demonio per Washington, Ayman Al-Zawahri (il n2 di Bin Laden) era l’uomo da sterminare, e così facendo sti coglioni di americani hanno lasciato inosservato il suo rivale, il cosiddetto califfo Al Baghdadi che con una frazione di Al Qaeda ha creato un mostro cento volte peggiore di Al Qaeda.

E ora? Ohhh, il medico USA prescrive la stessa medicina, nel tripudio di teste di cazzo ignoranti come Hollande, Renzi e Cameron, e allora altra cancrena a go-go… Tanto chi paga sono i soliti ‘negri’ (citaz. dal futuro primo Presidente d’Israele Chaim Weizmann a inizio ‘900)… Ma ora paghiamo anche noi, e precisamente – mi si perdoni l’impietosità – quei fessi che vanno in agenzia di viaggi per la settimanina 650 euro tutto incluso nei Club vacanze dei Paesi dei ‘negri’, quei ‘negri’ che però, scrisse un tale Barnard dieci anni fa, oggi ci odiano. E quando i basisti dell’ISIS arrivano nei loro miserabili Paesi per comprare mitra, munizioni e bombe a mano con cui ucciderci sotto l'ombrellone, i 'negri' si girano dall’altra parte e fingono di non vedere. Perché davvero loro la Storia la conoscono, fu scritta col loro sangue, e non dimenticano. Ci odiano. Ma sarebbe semplice rimediare, perché tutto quello che ci chiedono è:

ANDATEVENE. “END OF SYKES-PICOT”. Un trattore e un pezzo di carta scritto a biro sulla sabbia oltre una decina di anni fa sono il più urgente libro di Storia da leggere oggi.

 


- Letture Salva Cittadini

- Per un mondo migliore

- Perchè ci odiano

- Palestina & Israele

- L'informazione & la deriva dei 'nuovi paladini dell'antisistema'

- Censura Legale

- Per una Sanità umana

- Video e Foto

- Chi è Paolo Barnard

- Contatti

 

- Alcune considerazioni su...

HOME | Letture salva cittadini| Per un mondo migliore | Perchè ci odiano | Palestina & Israele | L'informazione & la deriva dei 'nuovi paladini dell'antisistema' | Censura Legale | Per una Sanità umana | Video e Foto | Chi è Paolo Barnard | Contatti | Alcune considerazioni su...